Delegato Sindacale

Il Blog della Filcams-CGIL di Milano

  • Avatar

  • Sottoscrivi

  • Commenti

  • Quanti siete?

    • 710751 visitatori
  • Archivio del Blog

  • Pagine

Comifar:Proclamato lo Stato di Agitazione Sindacale

Scritto da: Nicola Cappelletti il 30 Gennaio 2015

Il Comunicato Sindacale della RSU Comifar Novate:

Abbiamo ricevuto da parte dell’azienda la comunicazione ufficiale della unilaterale disdetta di tutti gli accordi sindacali stipulati a Novate (analoga disdetta è stata comunicata alle RSU/RSA nelle altre unità distributive), riguardanti ogni e qualsivoglia aspetto della contrattazione (pause, maggiorazioni, mensa, premi, indennità infortunio, malattia, maternità e permessi correlati, anticipazioni TFR, riduzioni orario, ecc.) con la sola esclusione degli accordi meramente organizzativi. Si tratta di un atto di gravità eccezionale, senza precedenti nella storia settantennale della nostra azienda. Con questa decisione, motivata con la necessità di ridurre il costo del lavoro e di definire una armonizzazione dei trattamenti economici e normativi nel gruppo, senza nessun confronto preventivo, dopo 10 anni dall’ultimo rinnovo contrattuale, il management di Comifar si assume una responsabilità di cui dovrà rispondere. Dopo la chiusura in pochi anni di tante unità distributive, il licenziamento di centinaia di persone, il venir meno agli impegni liberamente assunti è la risposta che il gruppo dirigente di Comifar da alle difficoltà del mercato.   Non nuove politiche commerciali, né lo sforzo di incrementare la qualità del servizio ai nostri clienti, ma la sottrazione alle lavoratrici ed ai lavoratori di salario e diritti, dopo che, in questi anni e con grandi sforzi, hanno tenuto in piedi questa azienda. Salari e diritti che in questi 10 anni sono rimasti al palo, anche se, scommettiamo, non per tutti. Siamo certi che per alcuni questo non è accaduto; e, vista la situazione in cui ci dicono versi l’azienda, senza grande merito. Informiamo le lavoratrici ed i lavoratori che abbiamo provveduto ad attivare il rapporto con le strutture sindacali Nazionali e Milanesi per concordare immediatamente le risposte necessarie, sia a livello giuridico e legale che di iniziative di lotta, che saranno le più adeguate al livello della questione. La prossima settimana convocheremo l’assemblea generale a Novate per fare il punto della situazione e definire insieme il percorso. Percorso che dovrà comprendere, oltre alle risposte alla decisione dell’azienda, l‘avvio di una consultazione nazionale al fine di definire una vera e propria piattaforma contrattuale per respingere il tentativo del management di azzerare il livello dei diritti e delle tutele delle lavoratrici e dei lavoratori  Comifar. Cercano di risolvere i problemi scaricandoli sulle lavoratrici ed i lavoratori, come hanno sempre fatto in questi anni, senza mai assumersi la responsabilità di innovare, trovare nuove strade! Non ci toglieranno il diritto di contrattare le nostre condizioni di lavoro e il nostro salario! Tutti insieme, noi, la Comifar, respingeremo il ritorno al passato, per tornare a guardare al futuro!

 

 

Il comunicato unitario di Filcams/Fisascat e Uiltucs Nazionali:

Con la presente si comunica lo stato di agitazione di tutti i dipendenti di Comifar per stigmatizzare la disdetta effettuata di tutti gli integrativi aziendali vigenti con effetto dal 30 aprile 2015.

Gli effetti di tale decisione unilaterale dell’azienda avrà pesanti ripercussioni sulla retribuzione dei lavoratori a cui si aggiunge la mancata fruizione di tutti i benefeci normativi previsti nei contratti integrativi.

Saranno successivamente comunicate tutte le iniziative di lotta che saranno intraprese per la tutela dei diritti dei lavoratori. 

Distinti saluti

Filcams-CGIL/Fisascat-CISL/Uiltucs-UIL