Delegato Sindacale

Il Blog della Filcams-CGIL di Milano

  • Avatar

  • Sottoscrivi

  • Commenti

  • Quanti siete?

    • 697177 visitatori
  • Archivio del Blog

  • Pagine

Archivio per 'Sindacato'

Yahoo Italia raggiunto accordo su esuberi

Scritto da: Nicola Cappelletti il 21 Marzo 2016

 

Raggiunto l’accordo sindacale con Yahoo Italia

All’inizio di Febbraio 2016 Yahoo,nell’ambito di scelte strategiche multinazionali, comunicava alle organizzazioni sindacali la procedura di licenziamento collettivo di tutti i dipendenti per chiusura della sede italiana.

Si sono susseguite trattative con la direzione aziendale e assemblee sindacali  che hanno coinvolto tutti i lavoratori della sede italiana.

Il 17 Marzo è stato siglato l’accordo sindacale,preventivamente sottoposto alla valutazione dei lavoratori che si sono riuniti nella sede aziendale di  Via Spadolini ed in teleconferenza coi colleghi dislocati esternamente.

I lavoratori hanno valutato positivamente l’intesa raggiunta dalle RSA di Yahoo e dalle Organizzazione Sindacali, approvandola  all’unanimità.

L’accordo sindacale prevede opzioni di ricollocamento esterno, incentivato e su base volontaria, oltre ad integrazioni più consistenti per le risoluzioni del rapporto di lavoro.

Previsti inoltre ulteriori incentivi  per lavoratrici in stato di gravidanza e lavoratori rientranti nelle categorie protette.

Filcams-CGIL valuta positivamente l’intesa siglata con Yahoo Italia che,di fronte alla chiusura totale dell’attività aziendale,definisce un mix di strumenti ricollocativi e di incentivazioni incrementali finalizzate all’attenuazione dell’impatto sociale.

 

 Clicca QUI per l’intervista sull’accordo Yahoo a Radio Articolo 1

Archiviato in Primo piano, Sindacato | Commenti disabilitati

Yahoo!Italia chiude:comunicati i licenziamenti di tutto il personale

Scritto da: Nicola Cappelletti il 3 Febbraio 2016

Yahoo!chiude la propria filiale italiana,comunicando alle organizzazioni sindacali il licenziamento di tutto il personale per cessazione dell’attività e messa in liquidazione della società.
Filcams CGIL,Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno immediatamente chiesto la convocazione urgente di un tavolo sindacale.
Contestualmente sarà convocata l’assemblea generale dei lavoratori di Yahoo!

Di seguito alcuni link alle precedenti vertenze sindacali degli ultimi 10 anni con Yahoo!
Clicca

Archiviato in Primo piano, Sindacato | Commenti disabilitati

Sono convocati gli Attivi di Zona CGIL Milano

Scritto da: Nicola Cappelletti il 28 Gennaio 2016

Mercoledì 3 Febbraio alle ore 9,30

Qui l’attivo di Giambellino

Qui l’attivo di San Siro

Archiviato in Primo piano, Sindacato | Commenti disabilitati

Grande Distribuzione:Il 19 Dicembre seconda giornata di sciopero

Scritto da: Nicola Cappelletti il 15 Dicembre 2015

#TUTTIAMILANO
Il Corteo da Corso Venezia a Piazza Della Scala con gli interventi di Susanna Camusso, Gigi Petteni e Carmelo Barbagallo.

Partirà da Bastione di Porta Venezia alle ore 10.30 la manifestazione del 19 dicembre prossimo a Milano a supporto dello sciopero nazionale indetto dalle federazioni sindacali di categoria Filcams, Cgil Fisascat Cisl, Uiltucs per i nuovi contratti nazionali di lavoro applicati ad oltre 500 mila addetti del terziario, della distribuzione e dei servizi.

TuttiaMilano

Il corteo, che si muoverà da Corso Venezia, percorrerà Piazza San Babila, Corso Matteotti, Piazza Meda, Via Catena, Via Case Rotte e terminerà in Piazza della Scala, dove si alterneranno gli interventi dei delegati delle aziende del settore e dei segretari generali delle tre federazioni di categoria Maria Grazia Gabrielli, Pierangelo Raineri e Brunetto Boco. All’iniziativa è prevista la partecipazione dei segretari confederali Cgil Cisl Uil Susanna Camusso, Gigi Petteni e Carmelo Barbagallo.

Si tratta della seconda giornata di mobilitazione contro lo stallo ai tavoli negoziali avviati con Federdistribuzione, le associazioni datoriali della Distribuzione Cooperativa e Confesercenti, in replica alla prima partecipatissima giornata di sciopero del 7 novembre scorso alla quale non è purtroppo seguita l’auspicata ripresa dei negoziati né è stato individuato un punto di mediazione per giungere al rinnovo dei contratti, attesi da oltre 24 mesi.

«Il vano tentativo di Federdistribuzione, attraverso un comunicato ai lavoratori diramato in questi ultimi giorni dall’associazione datoriale delle imprese della grande distribuzione organizzata, di minimizzare le pesanti richieste di riduzione del costo del lavoro presentate al tavolo negoziale non fa altro che accrescere le distanze – hanno dichiarato i segretari generali delle tre sigle di categoria.– Non cederemo sulla cancellazione degli istituti economici previsti dal contratto, in particolare sul taglio degli automatismi contrattuali riferiti agli scatti di anzianità e ai passaggi di livello, come anche sui permessi retribuiti e sulla sospensione della tredicesima e della quattordicesima mensilità ai fini della maturazione del trattamento di fine rapporto». Una posizione, quella delle Organizzazioni Sindacali, che vale anche sul tavolo della Distribuzione Cooperativa dove non può esserci disponibilità ad una trattativa che ha come unico obiettivo il recupero di competitività delle imprese togliendo ai lavoratori le condizioni costruite nel corso dei precedenti rinnovi contrattuali.

Una posizione chiara e netta quella di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs che tuttavia continuano ad esprimere piena disponibilità a trattare per ricercare punti di mediazioneche possano dare risposte alle esigenze organizzative del lavoro, alla crescita di produttività che non devono incidere però su un aumento salariale congruo, in linea con gli aumenti definiti nel nuovo contratto nazionale di lavoro siglato con l’associazione datoriale Confcommercio.

#TuttiaMilano

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori | Commenti disabilitati

Rinnovo CCNL Commercio TDS :Convocazione Attivo dei Delegati Filcams Milano (23 aprile ore 9,30/13- cinema Palestrina-Zona Loreto)

Scritto da: Nicola Cappelletti il 17 Aprile 2015

 

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori | Commenti disabilitati

Attivo dei Delegati CGIL ed UIL di MIlano e Provincia

Scritto da: Nicola Cappelletti il 1 Dicembre 2014

 

Le Segreterie di CGIL e UIL di Milano convocano l’attivo dei Delegati e Delegate, dei Pensionati e Pensionate per il Giorno

10 DICEMBRE 2014
dalle ore 9,00 alle ore 13,00

presso

GRAND HOTEL BARONE DI SASSJ
Via Padovani, 38
SESTO SAN GIOVANNI
SALA VALADIER

 

Clicca sulle immagini per ingrandirle

Clicca QUI per scaricare il volantino per lo Sciopero Generale del 12/12  con il corteo Milanese

 

 

 

 

 

 

 

 

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori | Commenti disabilitati

Sciopero generale il 5 dicembre

Scritto da: Nicola Cappelletti il 13 Novembre 2014

Otto ore di stop nei settori pubblici e privati. Appello a Cisl e Uil per una mobilitazione unitaria. L’ordine del giorno approvato dal Direttivo della Cgil: dopo il successo del 25 ottobre, prosegue l’iniziativa contro Jobs Act e legge di Stabilità

Sarà sciopero generale di 8 ore di tutti i settori pubblici e privati, il prossimo 5 dicembre. Il comitato direttivo della Cgil ha approvato la proposta della segreteria confederale. Con l’eccezione di tre componenti, che hanno votato un documento alternativo, il parlamento della confederazione ha approvato all’unanimità un documento che fissa la data del 5 e lancia un appello a Cisl e Uil affinché la mobilitazione sia unitaria.

“Lo straordinario successo della manifestazione del 25 ottobre – si legge nel documento – rappresenta un reale dato di novità nel quadro politico e sociale del Paese, ancora nel pieno della crisi e rispetto a provvedimenti del Governo – Jobs Act e Legge di Stabilità – che sono sbagliati ed inefficaci, oltre che ridurre i diritti e la dignità delle persone, e che non determinano quel cambio di verso nella politica economica e sociale che sarebbe necessario ed urgente per riaprire una fase di crescita dell’economia e dell’occupazione, a partire dall’incidere sulle scelte dell’Unione Europea per cambiare la logica del rigore e dell’austerità”.

Per la Cgil la manifestazione del 25 ottobre “ha mostrato a tutticome il lavoro possa e debba riprendere il centro della scena: solo ripartendo dal lavoro, dal suo valore e dalla sua centralità, si può dare un senso ed una risposta alla diffusa richiesta di cambiamento che emerge da lavoratori, pensionati, giovani e da larghissima parte della Società italiana”.

Il direttivo della Cgil “ringrazia tutte le Strutture, le delegate e i delegati, le compagne ed i compagni per lo sforzo politico ed organizzativo che hanno prodotto e che ha determinato il successo della manifestazione del 25, mostrando – a dispetto degli attacchi scomposti e nervosi cui da tempo siamo oggetto – il volto di un’Organizzazione che non si chiude nei propri confini, bensì guarda all’insieme del Paese e ad esso offre il proprio contributo di proposte, rapportando la propria iniziativa di mobilitazione e di lotta alle risposte che chiediamo al Governo e al Parlamento.

Nel documento approvato dal direttivo si “sottolinea l’importanza del successo che hanno avuto sia la mobilitazione unitaria dei Sindacati dei Pensionati il 5 novembre, sia la grande partecipazione alla manifestazione unitaria delle lavoratrici e dei lavoratori pubblici dell’8 novembre. Tali iniziative caricano tutto il Sindacato confederale della responsabilità di non disperdere la richiesta di unità che ci viene dal mondo del lavoro pubblico e non solo e dai pensionati”.

“Si tratta ora di proseguire la nostra iniziativa – si legge –, capitalizzando al meglio la spinta e la forza che ci vengono dal 25 ottobre e dalle iniziative unitarie che si sono realizzate. La situazione sociale ed economica, l’iter parlamentare del Jobs Act e della Legge di Stabilità – con un reiterato ed eccessivo ricorso al voto di fiducia che priva il Parlamento della propria funzione di luogo del dibattito e della mediazione politica – nonché la sempre più evidente scelta del Governo di avere a riferimento il blocco sociale rappresentato da Confindustria e dalle altre Associazioni datoriali, impongono di continuare nella mobilitazione e nella lotta, dando ad esse respiro e prospettiva”.

Nel mese di novembre, “alle iniziative di sciopero già decise, sia dalla Fiom nazionale e dalla Cgil di Genova, sia a livello unitario come nel caso dello sciopero territoriale del 25 novembre a Livorno, alle mobilitazioni unitarie previste nei comparti agro alimentare e dell’edilizia, la Cgil unirà il prosieguo della propria mobilitazionecon iniziative di lotta – sino ad un massimo di 4 ore di sciopero – che abbiano il tratto di una forte e diffusa articolazione, sia nelle forme, sia per i soggetti cui sono rivolte, con particolare attenzione sia a proseguire la campagna di assemblee nei luoghi di lavoro e sul territorio che è stata la chiave di volta della imponente partecipazione alla manifestazione del 25 ottobre, sia a promuovere una nostra specifica iniziativa – i cosiddetti ‘scioperi alla rovescia’ – al servizio dei cittadini, soprattutto in quelle realtà territoriali oggi duramente colpite in coincidenza con una condizione meteorologica disastrosa”.

Nel contempo la Cgil garantirà il pieno impegno per la riuscita delle altre iniziative in programma, quali il viaggio della legalità, la raccolta di firme per la legge sugli appalti e la campagna “salviamo la salute”. La Cgil “plaude con convinzione alla scelta dei Sindacati dei comparti pubblici di proclamare per il prossimo 5 dicembre uno sciopero generale unitario. Si tratta di un patrimonio di iniziativa e lotta comuni che va valorizzato ed esteso. Per questo il Comitato Direttivo della Cgil sceglie di stare e sostenere l’unità delle Categorie dei pubblici e proclama per venerdì 5 dicembre uno sciopero generale di 8 ore di tutti i settori pubblici e privati, rivolgendo nel contempo un appello a Cisl e Uil perché tale occasione possa costituire l’opportunità di un momento di mobilitazione unitaria e generale”.
(Rassegna Sindacale)

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori, Società | Commenti disabilitati

Il 25 Ottobre TUTTI a ROMA!

Scritto da: Nicola Cappelletti il 19 Ottobre 2014

Il materiale da scaricare per la Manifestazione del 25 Ottobre a Roma è QUI

 

I delegati ed i lavoratori che volessero partecipare alla grande manifestazione di Roma scrivano a questo indirizzo mail indicando il proprio nominativo ed i propri riferimenti telefonici.

****************************************************************************************

Diario Terziario,il periodico della Filcams-CGIL nazionale, è scaricabile QUI

*******************************************************************************************************************************

IMPORTANTE:

I delegati,i lavoratori e tutti coloro che volessero partecipare alla grande manifestazione di Roma scrivano a questo indirizzo mail indicando il proprio nominativo ed i propri riferimenti telefonici.

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori, Società | Commenti disabilitati

Microsoft taglia 18mila posti di lavoro

Scritto da: Nicola Cappelletti il 17 Luglio 2014

E’ un annuncio choc: Microsoft taglierà 18 mila posti di lavoro a livello mondiale nell’arco del prossimo anno, ovvero il 14% della forza lavoro globale, in scia all’integrazione con Nokia. Un maxi piano di licenziamenti, il maggiore della storia dell’azienda di Redmond.

Intanto l’azione (MSFT)schizza la propria quotazione (cinicamente) sopra i 45$ al Nasdaq…

Approfondimenti(fonte Bloomberg) QUI  

RaiNews QUI

HDBlog QUI

 

 

 

 

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori | Commenti disabilitati

ATTIVO DELEGATI CGIL COMMERCIO LOMBARDIA 8 LUGLIO ore 9,30

Scritto da: Nicola Cappelletti il 26 Giugno 2014

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori | Commenti disabilitati

NUOVA SEGRETERIA DELLA CGIL LOMBARDIA

Scritto da: Nicola Cappelletti il 25 Giugno 2014

ELETTA LA NUOVA SEGRETERIA DELLA CGIL LOMBARDIA CHE AFFIANCHERÀ ELENA LATTUADA.

Un collettivo più ampio, per garantire un rinnovamento profondo, in continuità con il valore dell’esperienza.

Qui l’articolo completo

Archiviato in Primo piano, Sindacato | Commenti disabilitati

Trattativa rinnovo CCNL terziario:brusca interruzione del confronto

Scritto da: Nicola Cappelletti il 19 Giugno 2014

Dopo diversi mesi di trattativa per il rinnovo del contratto nazionale del Terziario, nella serata di ieri si è interrotto il confronto con le parti datoriali aderenti a Confcommercio.

Pur tenendo conto del contesto di forte crisi che ha colpito il settore, e con la responsabilità che ha caratterizzato il percorso, non si è riusciti a trovare una sintesi condivisa.

I tentativi di far ricadere sulle organizzazioni sindacali la responsabilità dell’interruzione della trattativa, rischiano di essere pretestuosi e strumentali, esulando cosi dal merito delle questioni poste sul tavolo negoziale da Confcommercio.

Approfondimenti:

Link alla Filcams-CGIL Nazionale

Link a ConfCommercio

 

 

Trattativa terziario: Martini “Le rigidità delle controparti hanno impedito di portare a conclusione il confronto”

“L’interruzione del negoziato per il rinnovo del contratto del Terziario è dovuta all’indisponibilità di Confcommercio a rimuovere gli ultimi ostacoli, proprio quando avrebbero potuto maturare le condizioni per trovare un giusto equilibrio finale tra le parti” ad affermarlo è Franco Martini, segretario generale della Filcams Cgil, a margine del direttivo nazionale che si tenendo questi giorni a Roma.

La trattativa aveva dimostrato di poter produrre mediazioni importanti anche su punti difficili, come –ad esempio- la pretesa di Confcommercio di reintrodurre contratti di lavoro non previsti dalla legge, proprio guardando alla necessità di favorire l’inserimento e la ricollocazione di soggetti svantaggiati.

“Mettere in discussione in modo strutturale il ruolo della contrattazione aziendale sul tema cruciale della flessibilità dell’orario di lavoro, con l’obiettivo di ridurre diritti importanti come i permessi derivanti dalla riduzione dell’orario” prosegue il segretario, “ha voluto significare caricare sul fattore lavoro i costi prevalenti dello scambio contrattuale.”

Le rigidità manifestate da Confcommercio su questo punto hanno impedito di portare a conclusione un confronto che avrebbe offerto all’intero settore in crisi un importante riferimento contrattuale.

“Pur con sensibilità diverse, l’unità dei Sindacati ha impedito un ennesimo accordo separato” conclude Martini, “e vanno respinti tutti i tentativi in atto di alimentare antiche divisioni.”

La Filcams Cgil, con Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, deciderà le iniziative da intraprendere per affrontare i problemi della nuova fase, sia per riconquistare il tavolo contrattuale, sia per definire regole certe di governo della contrattazione e della rappresentanza.

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori, Società | Commenti disabilitati

Ingram Micro (Italia) aperta procedura di licenziamento per 72 lavoratori

Scritto da: Nicola Cappelletti il 1 Marzo 2014

Ingram Micro(distributore multinazionale di prodotti informatici) comunica alla struttura sindacale aziendale ed alle OO.SS. l’apertura di una procedura di licenziamento collettivo per 72 lavoratori.

L’attuale organico di Ingram Micro in Italia è di 205 dipendenti,occupati presso la sede di Settala(Milano).

La Filcams-CGIL ha immediatamente convocato l’assemblea straordinaria dei lavoratori,subito dopo la comunicazione della multinazionale.

L’entità degli esuberi(oltre un terzo degli organici)e la situazione di crisi occupazionale generalizzata rendono questa vertenza estremamente delicata e complessa.

Di seguito i link alla precedente vertenza collettiva Ingram Micro,affrontata nel 2009:

Precedente mobilità

Verso l’accordo

Accordo mobilità 2009

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori, Società | Commenti disabilitati

La Filcams-CGIL aderisce allo Sciopero Generale del 14 Novembre 2012

Scritto da: Nicola Cappelletti il 12 Novembre 2012

Archiviato in Sindacato | 2 Commenti »

CGIL:oltre un milione di lavoratori in cento piazze italiane

Scritto da: Nicola Cappelletti il 12 Marzo 2010

Straordinaria partecipazione allo Sciopero Generale ed ai cortei della CGIL.

La manifestazione dei 50.000 lavoratori Milanesi:

21

Archiviato in Sindacato | Commenti disabilitati