Delegato Sindacale

Il Blog della Filcams-CGIL di Milano

  • Avatar

  • Sottoscrivi

  • Commenti

  • Quanti siete?

    • 707736 visitatori
  • Archivio del Blog

  • Pagine

Roma 25 Ottobre la CGIL in piazza

Scritto da: Nicola Cappelletti il 25 Ottobre 2014

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

Da tutta Italia in viaggio verso Roma

Scritto da: Nicola Cappelletti il 24 Ottobre 2014

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

Twitter e Facebook:segui gli account di FilcamsMilano e DelegatoSindacale per essere sempre aggiornato

Scritto da: Nicola Cappelletti il 24 Ottobre 2014

Twitter FilcamsMilano è QUI

Twitter DSindacale è QUI

  #noisiamoqui

 

 

       Facebook Filcams Milano è QUI

 

 

 

 

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

#noisiamoqui

Scritto da: Nicola Cappelletti il 21 Ottobre 2014

Video importato

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

Il 25 Ottobre TUTTI a ROMA!

Scritto da: Nicola Cappelletti il 19 Ottobre 2014

Il materiale da scaricare per la Manifestazione del 25 Ottobre a Roma è QUI

 

I delegati ed i lavoratori che volessero partecipare alla grande manifestazione di Roma scrivano a questo indirizzo mail indicando il proprio nominativo ed i propri riferimenti telefonici.

****************************************************************************************

Diario Terziario,il periodico della Filcams-CGIL nazionale, è scaricabile QUI

*******************************************************************************************************************************

IMPORTANTE:

I delegati,i lavoratori e tutti coloro che volessero partecipare alla grande manifestazione di Roma scrivano a questo indirizzo mail indicando il proprio nominativo ed i propri riferimenti telefonici.

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori, Società | Commenti disabilitati

20/10/2014:Convocati gli Attivi di Zona dei delegati CGIL

Scritto da: Nicola Cappelletti il 13 Ottobre 2014

In preparazione della manifestazione nazionale del 25 Ottobre

Sono convocati gli Attivi di Zona dei delegati CGIL per il giorno 20/10/2014 dalle ore 9,30 alle ore 12,30

Clicca sull’immagine per ingrandirla

 

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

Comifar,dichiarati gli esuberi:Martedì assemblea generale con Massimo Bonini,Segretario Generale Filcams Milano

Scritto da: Nicola Cappelletti il 13 Ottobre 2014

 

 

 

Comunicato Sindacale della RSU Comifar Novate.

Il nostro paese sta attraversando uno dei periodi più difficili, dal dopoguerra in poi: la crisi economica e finanziaria pesa soprattutto sui più deboli, disoccupati, precari, pensionati, con costi sociali elevatissimi.

In questo quadro, Comifar, che in questi anni difficili ha proseguito a produrre utili, grazie anche all’impegno di tutti noi, decide un’altra ristrutturazione, l’ennesima.

Ancora licenziamenti, ancora mobilità, un’altra volta.

Fino ad oggi, il confronto ha consentito di trovare soluzioni , a volte difficili e dure, ma alla fine condivise.

Ora, dopo diversi incontri a tutti i livelli, che sembravano aver consentito di individuare possibili soluzioni sulle quali lavorare, l’azienda ha cambiato atteggiamento:

nessuna possibilità di ricollocazione, dato il perfetto equilibrio che a loro dire si è realizzato nel magazzino di Novate; e per quanto riguarda la sede, fallito il tentativo di risolverla direttamente e con le maniere forti, soluzioni possibili solo a spese dei lavoratori.

Tutto questo è inaccettabile.

Esistono spazi per la ricollocazione di tutti, puntando al recupero di qualità del nostro lavoro, anche nel quadro di una produttività sostenibile.

Se il tentativo è quello di cancellare l’esperienza di Novate,  vale a dire il diritto delle lavoratrici e dei lavoratori di essere rappresentati nella contrattazione delle loro condizioni di lavoro, questo tentativo sarà respinto.

Diciamo no ai licenziamenti, e diciamo no ad una Comifar dove il lavoro non conti più.

Comifar siamo anche noi.

Per discutere di quello che sta succedendo, e per decidere insieme le iniziative per cambiare il nostro futuro, partecipa all’ assemblea del 14 ottobre 2014; sarà presente anche

Massimo Bonini – Segretario Generale della Filcams Cgil di Milano

Siamo certi che comprenderai quanto la tua presenza, questa volta, sia davvero decisiva: per te e per tutti.

Ti aspettiamo.

RSU COMIFAR NOVATE

Archiviato in Sindacato e Lavoratori | Commenti disabilitati

Nota della Segreteria CGIL su incontro con Governo

Scritto da: Nicola Cappelletti il 7 Ottobre 2014

Al termine dell’incontro odierno a Palazzo Chigi, il giudizio della CGIL – presente al tavolo con il Segretario generale Susanna Camusso ed il Segretario confederale Franco Martini – può essere così riassunto:

il Governo ha ribadito l’intenzione a procedere sui temi del lavoro senza alcuna disponibilità al confronto con il Sindacato; ciò è reso ancor più evidente e grave dalla decisione di porre la questione di fiducia al Senato;

la CGIL riconferma il proprio giudizio negativo sull’insieme dei provvedimenti annunciati, ivi compreso il più netto dissenso rispetto a quanto il Governo intende fare in materia di art. 18 dello Statuto dei lavoratori, di demansionamento, oltre alla non cancellazione delle forme precarie di accesso al lavoro;

la CGIL ribadisce la necessità e l’urgenza di destinare maggiori risorse al finanziamento degli ammortizzatori sociali, per una loro effettiva estensione a tutti e non solo ai co.co.pro;

la CGIL ha inoltre riaffermato la necessità di estendere agli incapienti ed ai pensionati gli 80 euro e di pervenire allo sblocco dei contratti per i dipendenti pubblici;

da parte del Governo è stata palesata una disponibilità – da verificare e sostanziare – in materia di regole della rappresentanza;

l’unica concreta novità emersa oggi è la fissazione di un nuovo incontro con il Presidente del Consiglio sui contenuti della Legge di Stabilità, previsto per il prossimo 27 ottobre.

Per queste ragioni, la CGIL riconferma la manifestazione nazionale del 25 ottobre a Roma, tappa fondamentale di un percorso di mobilitazione da sviluppare e rafforzare nel tempo.

A fronte dell’apposizione della fiducia da parte del Governo, è necessaria un’immediata, forte risposta dai luoghi di lavoro, attraverso ordini del giorno, fermate e scioperi aziendali con assemblee.

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

LAVORO: CGIL, IL 25 OTTOBRE IN PIAZZA SAN GIOVANNI PER IL CAMBIAMENTO

Scritto da: Nicola Cappelletti il 6 Ottobre 2014

Audio Clicca QUI

Volantino QUI

Locandina QUI

Manifesto QUI

 

 

 

 

 

 

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

Punto Donna alla Filcams di Milano

Scritto da: Nicola Cappelletti il 23 Settembre 2014

Al “Punto Donna” potrai rivolgerti  per chiarimenti e informazioni sulla  tutela della maternità e paternità, sui temi della conciliazione dei tempi (orari di lavoro e orari di vita) e/o delle pari opportunità.

Nei settori del commercio  e della distribuzione, del turismo, delle mense e della ristorazione, delle imprese di pulizia, delle colf, del portierato, degli studi professionali e delle farmacie l’occupazione è prevalentemente femminile, i lavori sono diversi ma  problemi sono comuni e la frammentazione dei luoghi di lavoro non favorisce la conoscenza di norme e contrattazione a tutela delle donne.

Puoi rivolgerti a noi, ti aspettiamo.

Punto Donna Filcams Milano

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

Microsoft taglia 18mila posti di lavoro

Scritto da: Nicola Cappelletti il 17 Luglio 2014

E’ un annuncio choc: Microsoft taglierà 18 mila posti di lavoro a livello mondiale nell’arco del prossimo anno, ovvero il 14% della forza lavoro globale, in scia all’integrazione con Nokia. Un maxi piano di licenziamenti, il maggiore della storia dell’azienda di Redmond.

Intanto l’azione (MSFT)schizza la propria quotazione (cinicamente) sopra i 45$ al Nasdaq…

Approfondimenti(fonte Bloomberg) QUI  

RaiNews QUI

HDBlog QUI

 

 

 

 

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori | Commenti disabilitati

Filcams-CGIL di Milano:Eletto Massimo Bonini Segretario Generale,eletta la nuova Segreteria

Scritto da: Nicola Cappelletti il 4 Luglio 2014

Il Direttivo Milanese della Filcams-CGIL ha eletto il Segretario Generale e la nuova Segreteria.

Massimo Bonini è il nuovo Segretario Generale Milanese,oltre il 98% dei voti espressi con scrutinio segreto dal Direttivo Milanese.

Prende il posto di Graziella Carneri che ha guidato la categoria milanese negli ultimi 7 anni e che è stata eletta,a sua volta, nella Segreteria della CGIL Regionale Lombarda.

*******

La nuova segreteria della Filcams-CGIL Milanese è quindi composta da:

Massimo Bonini (Segretario Generale)

Silvano Campioni

Marco Beretta

Giorgio Ortolani

Antonella Protopapa

Maria Carla Rossi

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

PROROGATO L’ACCORDO QUADRO LOMBARDO SUGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA.

Scritto da: Nicola Cappelletti il 1 Luglio 2014

COMUNICATO STAMPA

ANCORA UNA PROROGA DELL’ACCORDO QUADRO LOMBARDO SUGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA.

PURTROPPO SI NAVIGA SEMPRE A VISTA. DICHIARAZIONE DI FULVIA COLOMBINI DELLA SEGRETERIA DELLA CGIL LOMBARDIA.

 

“Per la terza volta nel corso del 2014, dichiara Fulvia Colombini della Segreteria della CGIL Lombardia, e’ stato prorogato l’Accordo quadro lombardo con scadenza al 31 agosto 2014.

Le prime due proroghe erano di tre mesi, quest’ultima e’addirittura piu’ breve, di due mesi, luglio e agosto.

Abbiamo firmato per senso di responsabilità, aggiunge Colombini,  per non lasciare un vuoto normativo, consentendo alle aziende lombarde di utilizzare per ulteriori due mesi gli ammortizzatori sociali in deroga e garantendo ai disoccupati sette mesi di mobilita’.

La situazione degli ammortizzatori sociali in deroga sta diventando sempre piu’ precaria, perché in attesa dell’approvazione dell’annunciato ” Decreto ministeriale” che introdurrà criteri uniformi su base nazionale, si procede con accordi temporanei, firmati sempre nell’ultimo giorno utile, generando grande incertezza nelle imprese che, vista la situazione,sono tentate di procedere ai licenziamenti.

I contenuti del ” Decreto ministeriale” piu’ volte annunciato dal Ministro Poletti ma mai ufficializzato, continua Fulvia Colombini, ci preoccupano molto per tre motivi:

si riducono i periodi e le durate degli ammortizzatori sociali in deroga, si riduce la platea dei beneficiari attraverso l’innalzamento dei requisiti individuali di anzianità contributiva, si escludono alcune tipologie di aziende come gli studi professionali e le Onlus.

Chiediamo al Governo, e in particolare al Ministro Poletti, di modificare il Decreto. in questi punti e, se si vuole procedere verso un sistema generale e inclusivo di ammortizzatori sociali, di accompagnare con responsabilità e attenzione la fase transitoria da un sistema regionale verso un sistema nazionale al quale tutte le tipologie di aziende contribuiscano economicamente.

Ci preoccupano anche , conclude la sindacalista, le dichiarazioni odierne del Ministro circa la mancanza di fondi per questi ammortizzatori, e vogliamo ricordargli che purtroppo la crisi economica ha ancora effetti molto negativi sui posti di lavoro.

Pertanto non e’ possibile far mancare gli strumenti di tutela sul reddito di lavoratrici e lavoratori”.

Archiviato in Primo piano, Sindacato e Lavoratori, Società | Commenti disabilitati

ATTIVO DELEGATI CGIL COMMERCIO LOMBARDIA 8 LUGLIO ore 9,30

Scritto da: Nicola Cappelletti il 26 Giugno 2014

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori | Commenti disabilitati

NUOVA SEGRETERIA DELLA CGIL LOMBARDIA

Scritto da: Nicola Cappelletti il 25 Giugno 2014

ELETTA LA NUOVA SEGRETERIA DELLA CGIL LOMBARDIA CHE AFFIANCHERÀ ELENA LATTUADA.

Un collettivo più ampio, per garantire un rinnovamento profondo, in continuità con il valore dell’esperienza.

Qui l’articolo completo

Archiviato in Primo piano, Sindacato | Commenti disabilitati

Iniziative sindacali e scioperi alla PALL ITALIA S.r.l.(Buccinasco)

Scritto da: Nicola Cappelletti il 25 Giugno 2014

Clicca Qui per scaricare il comunicato sindacale

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

AMMORTIZZATORI IN DEROGA IL 30 GIUGNO SCADE ACCORDO IN LOMBARDIA

Scritto da: Nicola Cappelletti il 25 Giugno 2014

APPELLO DELLA CGIL A REGIONE E PARTI SOCIALI: ASSUMIAMOCI LA RESPONSABILITÀ DI RINNOVARE L’ACCORDO QUADRO LOMBARDO

“Il prossimo 30 giugno scadrà l’Accordo lombardo sugli Ammortizzatori in deroga e le aziende si stanno già chiedendo cosa fare se questo strumento, tra pochi giorni  verrà a mancare; la conseguenza più probabile sarà una valanga di licenziamenti, stimati tra i 30 e i 40.000. A dirlo e’ Fulvia Colombini della CGIL Lombardia.
Da parte del  Governo arriva un “silenzio assordante”, aggiunge, dopo che il Ministro Poletti aveva affermato, nei mesi scorsi, che avrebbe provveduto ad emanare per tempo i nuovi criteri nazionali per l’accesso, la durata e la platea degli aventi diritto agli ammortizzatori in deroga.

Le Regioni, nel frattempo, avrebbero dovuto attenersi a questi criteri, in attesa che la legge delega del Governo sulla riforma del mercato del lavoro venga approvata dal Parlamento, ridefinendo complessivamente il sistema delle tutele di sostegno al reddito. Nulla di tutto questo e’ avvenuto!
Oggi rischiamo una brusca cesura: non poter continuare con gli accordi regionali che dal 2009 hanno regolato  gli ammortizzatori in deroga e hanno svolto un’utile funzione nel sostenere lavoratori e imprese in crisi, e non avere indicazioni per il futuro.
Sul fronte del finanziamento – ha proseguito la sindacalista – la situazione e’ altrettanto drammatica; allo stato attuale con le risorse stanziate la Regione potrà forse completare la decretazione delle domande presentate nel 2013.

Per il 2014, primo semestre, ad oggi non sono arrivate risorse, condannando  i lavoratori ad attendere un tempo infinito prima di ricevere l’assegno dall’Inps, con tutte le difficoltà che possiamo ben immaginare.
Queste attese potranno essere mitigate dall’avvio “dell’anticipazione sociale”, attraverso la quale si potranno ottenere 5 mesi di anticipo sulle spettanze, sulla base di un accordo firmato in Lombardia tra le Parti Sociali, la Regione, l’Abi, Finlombarda.
A questo punto la situazione richiede una decisione e un’assunzione di responsabilità collettiva, pertanto chiediamo a Regione Lombardia e a tutte le Parti interessate, che si incontreranno lunedì sera, di prorogare di nuovo, per la terza volta, il nostro accordo regionale perché non possiamo lasciare un vuoto e scaricare tutte le responsabilità della situazione economica, che permane difficile, su imprese e lavoratori, sapendo che creare in questo momento nuova disoccupazione, con un mercato che non e’ in grado di assorbirla, e’ un’operazione irresponsabile non degna di un paese civile.
Le situazioni vanno gestite, conclude Fulvia Colombini, e se non vogliamo mettere a repentaglio la coesione sociale, dobbiamo uscire dalla riunione della Sottocommissione regionale con questa decisione assunta collegialmente, e chiedere con forza che anche il Governo si assuma le proprie responsabilità per non lasciare vuoti normativi ed economici sul tema delle tutele del lavoro”.

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

SUSANNA CAMUSSO DOMANI ALLE 9,30 A “CGIL IN FESTA!” PRESSO L’AREA FESTE- LOCALITÀ SCHIRANNA A VARESE

Scritto da: Nicola Cappelletti il 19 Giugno 2014

COMUNICATO STAMPA

 

IL SEGRETARIO GENERALE DELLA CGIL SUSANNA CAMUSSO DOMANI ALLE 9,30 A “CGIL IN FESTA!” PRESSO L’AREA FESTE- LOCALITÀ SCHIRANNA A VARESE

 

 

Dal 2O al 22 giugno, come ogni anno, la CGIL Lombardia organizza la sua festa regionale, ormai alla sesta edizione: un’iniziativa che, con i suoi incontri e i suoi eventi culturali, vuole offrire un terreno di confronto e contribuire a riproporre la centralità del lavoro e del suo valore.

L’importante appuntamento annuale, sarà aperto con un’iniziativa pubblica la mattina di venerdì 20 giugno, alla quale parteciperà il Segretario generale della CGIL Susanna Camusso.

 

CGIL IN FESTA!

Venerdì 20, Sabato 21, Domenica 22 giugno 2014

Area Feste località Schiranna – Varese – Via Vigevano 26

Venerdì 20 giugno

 

Ore 9.45 ATTIVO REGIONALE DELLE DELEGATE,

DEI DELEGATI DELLE PENSIONATE E DEI PENSIONATI DELLA CGIL LOMBARDIA

Relazione introduttiva di Nino Baseotto, Segretario Generale CGIL Lombardia

Conclusioni di Susanna Camusso, Segretario Generale CGIL

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

Trattativa rinnovo CCNL terziario:brusca interruzione del confronto

Scritto da: Nicola Cappelletti il 19 Giugno 2014

Dopo diversi mesi di trattativa per il rinnovo del contratto nazionale del Terziario, nella serata di ieri si è interrotto il confronto con le parti datoriali aderenti a Confcommercio.

Pur tenendo conto del contesto di forte crisi che ha colpito il settore, e con la responsabilità che ha caratterizzato il percorso, non si è riusciti a trovare una sintesi condivisa.

I tentativi di far ricadere sulle organizzazioni sindacali la responsabilità dell’interruzione della trattativa, rischiano di essere pretestuosi e strumentali, esulando cosi dal merito delle questioni poste sul tavolo negoziale da Confcommercio.

Approfondimenti:

Link alla Filcams-CGIL Nazionale

Link a ConfCommercio

 

 

Trattativa terziario: Martini “Le rigidità delle controparti hanno impedito di portare a conclusione il confronto”

“L’interruzione del negoziato per il rinnovo del contratto del Terziario è dovuta all’indisponibilità di Confcommercio a rimuovere gli ultimi ostacoli, proprio quando avrebbero potuto maturare le condizioni per trovare un giusto equilibrio finale tra le parti” ad affermarlo è Franco Martini, segretario generale della Filcams Cgil, a margine del direttivo nazionale che si tenendo questi giorni a Roma.

La trattativa aveva dimostrato di poter produrre mediazioni importanti anche su punti difficili, come –ad esempio- la pretesa di Confcommercio di reintrodurre contratti di lavoro non previsti dalla legge, proprio guardando alla necessità di favorire l’inserimento e la ricollocazione di soggetti svantaggiati.

“Mettere in discussione in modo strutturale il ruolo della contrattazione aziendale sul tema cruciale della flessibilità dell’orario di lavoro, con l’obiettivo di ridurre diritti importanti come i permessi derivanti dalla riduzione dell’orario” prosegue il segretario, “ha voluto significare caricare sul fattore lavoro i costi prevalenti dello scambio contrattuale.”

Le rigidità manifestate da Confcommercio su questo punto hanno impedito di portare a conclusione un confronto che avrebbe offerto all’intero settore in crisi un importante riferimento contrattuale.

“Pur con sensibilità diverse, l’unità dei Sindacati ha impedito un ennesimo accordo separato” conclude Martini, “e vanno respinti tutti i tentativi in atto di alimentare antiche divisioni.”

La Filcams Cgil, con Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, deciderà le iniziative da intraprendere per affrontare i problemi della nuova fase, sia per riconquistare il tavolo contrattuale, sia per definire regole certe di governo della contrattazione e della rappresentanza.

Archiviato in Primo piano, Sindacato, Sindacato e Lavoratori, Società | Commenti disabilitati

Detassazione(10%) 2014 Articolo de Il Giorno del 4/6/2014 e testo integrale dell’accordo provinciale

Scritto da: Nicola Cappelletti il 4 Giugno 2014

Testo integrale dell’accordo:clicca QUI

Articolo de “Il Giorno”del 4 Giugno:clicca QUI

 

 

 

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

3 Giugno Attivo delle delegate e dei delegati Filcams CGIL di Milano del settore Commercio

Scritto da: Nicola Cappelletti il 26 Maggio 2014

martedì 3 giugno 2014 dalle ore 9.30 alle 13,00

è convocato l’Attivo delle delegate e dei delegati Filcams CGIL di Milano del settore Commercio, Terziario e GDO.

all’ o.d.g: rinnovo CCNL – stato della trattativa.

L’attivo si terrà in Camera del Lavoro – sala Buozzi.
All’attivo sarà presente Maria Grazia Gabrielli della segreteria Filcams Nazionale

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

Ciao Luigi

Scritto da: Nicola Cappelletti il 23 Maggio 2014

Luigi Calzolaio ci ha lasciati questa notte,dopo una lunga,dura battaglia contro la malattia che lo aveva colpito.

Ciao Luigi!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il funerale è previsto per:

lunedì 26 maggio
alle ore 15:15
Parrocchia San Paolo di Rho
via Castellazzo 67 (Rho)

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

Detassazione 10% salario accessorio 2014:siglato l’accordo per il Commercio

Scritto da: Nicola Cappelletti il 22 Maggio 2014

Aggiornamento detassazione 10%

Siglato l’accordo tra Confcommercio e Filcams-CGIL,Fisascat ed Uiltucs:

le imprese del terziario che adottano istituti finalizzati all’incremento di produttività potranno usufruire delle agevolazioni previste dal decreto ministeriale dello scorso aprile.

Confcommercio e sindacati di categoria hanno raggiunto l’accordo sulla detassazione dei premi di produttività per il 2014. Le imprese del terziario che adottano istituti finalizzati all’incremento di produttività, richiamati nell’accordo stesso, potranno così usufruire delle agevolazioni previste dal nuovo decreto ministeriale sulla detassazione dello scorso aprile.

 

 

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

Bonus 80 euro/mensili anche a cassintegrati,mobilità e disoccupati

Scritto da: Nicola Cappelletti il 14 Maggio 2014

Anche i cassintegrati e i percettori di indennità di mobilità e disoccupazione riceveranno il Bonus Irpef da 80 euro. E’ quanto prevede una circolare dell’Agenzia delle Entrate, che risponde ai dubbi su beneficiari, calcoli e modalità di erogazione del bonus. Fuori dal conto restano le somme percepite a titolo di incremento della produttività, che godono di un’imposta sostitutiva al 10%. Lo riferisce oggi (14 maggio) l’agenzia Agi.

L’Agenzia, nella circolare, spiega che il bonus spetta anche ai lavoratori “che percepiscono sostegno al reddito”, quindi in situazione di cassa integrazione, indennità di mobilità e di disoccupazione. Il diritto al bonus è da considerarsi “automatico”. Le somme – infatti – costituiscono proventi in sostituzione dei redditi da lavoro dipendente, quindi assimilabili a questi ultimi. Il credito va calcolato riferendosi alle erogazioni del 2014. Spetta all’ente erogatore determinare in via automatica la spettanza di credito, e il relativo importo, in qualità di sostituto d’imposta.

Fonte:Rassegna Sindacale

Anche i cassintegrati, i disoccupati che percepiscono l’indennità e i lavoratori in mobilità riceveranno il bonus Irpef di 80 euro. E’ quanto prevede la seconda circolare applicativa dell’Agenzia delle Entrate ull’applicazione del bonus di 80 euro che fissa alcuni dettagli interpretativi.. Tra le novità anche il fatto che le somme percepite come incremento della produttività, tassate al 10%, non concorrono ai fini del bonus.

 

Il bonus, stabilisce la circolare applicativa, cambia in base al periodo di impiego nel corso dell’anno e si ridurrà tenendo conto del periodo di lavoro effettivo. Dopo aver individuato l’importo del credito spettante in base al periodo lavorato, il datore di lavoro lo ripartirà nelle buste paga da maggio in poi. E per verificare se si ha diritto al bonus di 80 euro, rimanendo sotto la soglia dei 26.000 euro di reddito complessivo, bisognerà tener conto anche dei ‘guadagni’ dovuti all’affitto degli immobili assoggettati alla ‘cedolare secca’.

 

Il credito d’imposta di 80 euro spetta anche ai lavoratori deceduti, in relazione al loro periodo di lavoro nel 2014 e sarà calcolato nella dichiarazione dei redditi del lavoratore deceduto presentato da uno degli eredi. Lo prevede la circolare dell’Agenzia delle Entrate che preannuncia: le modalità saranno specificate nel relativo modello.

Fonte:ANSA

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati

Trattativa CCNL Commercio TDS:la situazione attuale

Scritto da: Nicola Cappelletti il 5 Maggio 2014

Nel mese di aprile si sono svolti 4 incontri di trattativa con Confcommercio (3 – 14 -16 -17 aprile) che, in parte, hanno visto anche la presenza dei Segretari Generali di Filcams-Fisascat e Uiltucs.

 

Gli aggiornamenti registrati riguardano alcune materie e le prime risposte, da parte della delegazione datoriale, alle richieste contenute nella nostra piattaforma.

 

In sintesi: sulla materia della classificazione del personale, siamo ad una fase di condivisione sulle nuove  figure professionali dell’ICT ma non c’è ancora corrispondenza tra questi ed i livelli di inquadramento (la proposta Confcommercio tende a “sottoinquadrare”  diverse figure e considerare questa proposta come soglia minima di garanzia). Esistono ancora divergenze sull’introduzione di figure professionali al V Liv. sia per il settore auto sia per la Distribuzione del farmaco le cui mansioni si sovrappongono con quelle già esercitate dal IV Liv rendendo evidente il tentativo di “sottoinquadramento” e rischio di produrre condizioni divergenti, ad omogeneità di mansione, all’interno delle aziende.  Confcommercio si è riservata un ulteriore approfondimento sulle figure professionali del settore auto attinenti al ramo amministrativo e venditori.  Altro elemento di chiarezza è di ordine metodologico con la proposta, da parte di Confcommercio, di un protocollo a latere del CCNL  per definire le figure professionali da applicare solo al settore ICT. Identica modalità sarebbe riservata a tutte le figure professionali del settore servizi, oggetto di approfondimento nell’ambito di una commissione da attivare  tra le parti. Per il settore auto e per la Distribuzione del farmaco eventuali modifiche e integrazioni sarebbero inserite direttamente nella declaratoria del CCNL.

 

Problema connesso alla discussione sulle mansioni e attività svolte da diverse figure professionali del terziario è il riconoscimento della reperibilità. Confcommercio, pur riservandosi ancora un approfondimento, considera possibile la nostra richiesta di piattaforma  ma solo per il settore ICT.

Ripercorrendo gli altri temi, sul Mercato del Lavoro, Confcommercio ha espresso soddisfazione per l’impostazione dell’attuale governo in materia di contratti a termine e apprendistato auspicando che non ci siano modifiche rispetto all’impianto originario. Tale situazione, non fa però decadere anche la necessità di confermare la richiesta di disciplinare, per via pattizia, un contratto di ricollocazione/inserimento applicabile ai disoccupati da almeno 6 mesi. Tale contratto, come già in precedenza illustrato, avrebbe la durata di 24 mesi con sottoinquadramento di 2 livelli, un contenuto formativo di 16 ore, l’esclusione dalla base di computo per gli istituti contrattuali e delle percentuali di legge, la riduzione del contributo per Fondo Fonte come per gli apprendisti, in caso di trasformazione a tempo indeterminato la condizione di sottoinquadramento sarà di un livello per ulteriori 12 mesi.

 

Altro punto oggetto di approfondimento ha riguardato la bilateralità ed in particolar modo Fondo Est. Sulla bilateralità, anche a seguito della sottoscrizione del nuovo accordo sulla Governance, è necessario e utile procedere ad una risistemazione e modifica di quanto previsto nel capitolo specifico del CCNL. Più complessa la situazione  sulla richiesta di ridefinire la “clausola di penalizzazione” per l’omissione del contributo ai Fondi Est e Quas prevedendo, quale unica subordinata all’omissione stessa, l’erogazione ai lavoratori di un elemento economico distinto della retribuzione. Tale norma viene considerata utile per salvaguardare la solidità dei Fondi e l’integrità dello stesso CCNL.  La soluzione di questo ultimo punto è controversa poiché è in relazione a quanto previsto dalla circolare n. 43 del Ministero del Lavoro ed è necessario cogliere la tutela maggiore, rispetto all’accesso alla prestazione, da parte dei lavoratori. Inoltre, già l’attuale “contropartita economica” in caso di omissione del versamento è da considerarsi inadeguata.

 

La delegazione Confcommercio ha anche riconfermato tutte le altre richieste illustrate nel corso della trattativa  a partire dal tema dell’orario di lavoro con il ritorno a 40 ore e blocco di 72 ore di permessi per la vigenza contrattuale. Una misura necessaria per ridurre il costo unitario dell’ora lavorata e che ha una valenza trasversale per tutte le imprese del settore.

 

Sulle altre materie della nostra piattaforma sindacale le risposte e considerazioni fornite dalla delegazione Confcommercio sono parziali e prevalentemente tendono a respingere le richieste:

 

-          Condivisione della premessa alla piattaforma in particolare sul tema della legalità, come perno anche della corretta applicazione dei CCNL e delle leggi, su cui costruire un possibile documento condiviso.

-          Diritti sindacali: netta contrarietà a riconoscere il diritto di indizione delle assemblee in capo alle OOSS territoriali.

-          Mercato del lavoro: non si ritiene possibile inserire il diritto di precedenza perché è come annullare l’utilizzo del contratto a termine stesso. Non è possibile prevedere ulteriori elementi sulla materia degli appalti nell’attuale contesto caratterizzato da forte concorrenza. Non ricevibile la richiesta di estensione del part time a 20 ore poiché c’è bisogno di maggiore flessibilità, ribadendo in contrapposizione la richiesta datoriale di estendere il part time a 8 ore settimanali.

-          Conciliazione tempi di vita/lavoro: disponibilità a riconoscere un mese consecutivo di congedo anche frazionabile in due parti per le adozioni internazionali.

-          Contrattazione secondo livello: non è possibile una diversa regolamentazione del lavoro domenicale in una condizione di forte concorrenza nel settore. Non è fattibile l’estensione delle materie da assegnare a tale livello poiché il problema, data l’impossibilità a far decollare la contrattazione in un contesto così difficile, è di attuare l’esistente e non definire nuovi contenuti.

-          Quadri: disponibilità ad elevare i tempi di preavviso nel caso di trasferimento

-          Operatori di vendita: gli attuali massimali assicurativi vengono considerati congrui e quindi non si ritiene di dover procedere ad una loro rivalutazione.

-          Salute e sicurezza: disponibilità e interesse a riprendere il confronto per arrivare ad una definizione della disciplina.

Si è proceduto con una risposta sostanzialmente unitaria respingendo la possibilità di introdurre ulteriori forme di flessibilità in ingresso (contratto inserimento, part time 8 ore, contratto intermittente), anche alla luce delle disposizioni previste dall’attuale governo che minano istituti importanti del CCNL Terziario come l’apprendistato e che, per la loro portata, non costruiscono alcun percorso e prospettiva di stabilità dei rapporti di lavoro. Non è accogliibile la richiesta di aumentare l’orario settimanale a fronte di un blocco delle 72 ore di permessi che impatta direttamente sulla retribuzione dei lavoratori. Le molte indisponibilità registrate sulle richieste della piattaforma sindacale pongono una evidente condizione di squilibrio tra le parti.

 

E’ stato ribadito che al punto attuale, per la Filcams e per la delegazione sindacale unitaria, non ci sono convergenze possibili per definire il Contratto Nazionale e pertanto, abbiamo invitato Confcommercio, a lavorare per formulare proposte che possano portare le OOSS a fare  valutazioni diverse.

 

Consapevoli della situazione di difficoltà del settore – che proseguirà credibilmente per gran parte del biennio 2014-2015  – la definizione di un Contratto Nazionale, pur condizionato da tale contesto di crisi, non può portare a modifiche strutturali e peggiorative dei diritti e delle condizioni di lavoro già fortemente compromesse, come non è possibile chiedere ai lavoratori  di finanziare l’aumento salariale cedendo in cambio orario, permessi e flessibilità, pena la credibilità e le ragioni del Contratto stesso.

 

Come comunicato nelle ns precedenti note, i prossimi appuntamenti sono previsti per:

 

-          Lunedì 5 maggio ore 12.00 (conclusione lavori ore 16.00 circa), per gli approfondimenti sul tema della classificazione. L’incontro si svolge con la delegazione ristretta.

-          Venerdì 9 maggio ore 14 .00 con prosecuzione dei lavori il 10 e 11. L’incontro di svolge con la presenza della delegazione plenaria.

Tutti gli incontri si terranno presso la sede della Confcommercio Nazionale, p.za G. Belli n. 2 – Roma

Archiviato in Primo piano | Commenti disabilitati